English  Deutsch  Italiano  Hrvatski  Română

Una tempesta era stata prevista per i Paesi Bassi, ma il mio treno delle 7:16 di mattina non era in ritardo.

-----------

Durante il viaggio in treno iniziarono a sorgere problemi  e arrivai in ritardo alla mia lezione delle 10 all'Università di Amsterdam. Dopo essere stata in classe per circa un'ora, arrivò la tempesta.  Video di persone e biciclette letteralmente spazzate via dal vento iniziarono ad apparire sui social media  e interi tetti venivano rimossi. Tutti i treni erano stati cancellati.

Si trattava di una cosa seria .

Mi resi conto che nessun treno mi avrebbe portata a casa. Troppi alberi erano caduti sui binari e il sistema doveva essere riparato.

Mentre la giornata stava quasi finendo, avevo perso ogni speranza. La mia casa era a 2 ore di distanza. Un treno che mi avrebbe portato fino a Groningen? Neanche per sogno. Una mia amica mi offrì il suo divano in una città molto più vicina ad Amsterdam, e mi accontentai di questo. Andammo alla stazione e scoprimmo con nostra sorpresa che il treno di cui avevamo bisogno non era stato cancellato. Entrammo volentieri con una grande tazza di tè Rooibos nelle nostre mani.

Quando arrivammo, avevo riacquistato la speranza di tornare a casa. Ringraziai la mia amica per la sua gentilezza, ma non avevo intenzione di arrendermi. Nel frattempo, le persone avevano smesso di fissare i loro telefoni. I viaggiatori disperati erano diventati più socievoli che mai ed è emersa rapidamente una sensazione di "siamo -tutti - insieme -in questa impresa ". Riuscii a prendere un treno per un'altra destinazione, questa volta a 100 km più vicino a casa.

alt

Un'intera squadra di personale del treno era pronta a fornire informazioni. Un ragazzo di fronte a me chiese indicazioni in inglese."Per favore chieda  agli autisti di autobus li  fuori" fu  la risposta. Mentre camminavo sull'autobus appositamente predisposto , vidi lo stesso ragazzo tornare all'ingresso  della stazione con un'espressione triste e stanca sul viso. Quando raggiunsi il mio autobus, scoprii che quello accanto al mio era quello di cui lui aveva bisogno. Per un attimo esitai, ma poi decisi di correre di nuovo alla stazione per dire all'uomo che poteva andare a casa. Insieme corremmo velocemente indietro e lui non smise di ringraziarmi per averglielo detto.

Rimasi sorpresa da come andarono le cose.

> Mi sentivo convinta che Dio mi avesse ispirato ad avvertirlo che stava per perdere quella che sarebbe potuta essere la sua unica possibilità di tornare a casa, aiutandomi anche a salire sul mio autobus in orario.

L'autista non stava guidando il  suo solito tragitto  e non aveva idea di dove andare. I passeggeri lo aiutarono  a trovare la strada.

Sebbene avessi piena fiducia che Dio mi avrebbe portato a Groningen, quando entrammo nell'ultima stazione cominciai a dubitare. Non c'erano treni e nessun autobus. Dopotutto, erano già le 23, chi sarebbe ancora là fuori? Decisi di chiamare mio padre per venirmi a prendere.

All'improvviso, sentii  il personale del treno gridare: "binario 14  per Groningen , affrettarsi !" Era stato fornito un treno speciale extra per Groningen! Chiamai mio padre e ringraziai Dio per essere stato così fedele. Sebbene mi avesse già convinto che avrebbe provveduto, avevo iniziato a dubitare e ad arrangiarmi da sola. Ma ancora una volta Dio aveva mostrato la sua fedeltà. Tutto quello che dovevo fare era avere  fiducia.

Questa vita è un viaggio. Il cielo è la nostra destinazione. Possono sorgere tempeste e difficoltà, che cercano di togliere la speranza che abbiamo riguardo un arrivo sicuro e protetto. I segni intorno a noi possono dirci che la casa è ancora lontana e che non la raggiungeremo mai. Potremmo perdere la speranza e scoraggiarci.

> Ma nel mezzo della nostra disperazione e del dubbio, Dio non ci lascia e non ci abbandona (Deut 31: 6). Potrebbe condurci in una strada diversa da quella che noi stessi avevamo programmato, una strada meno comoda e facile, ma ha promesso di venire con noi.

La  tempesta mi ha insegnato quattro lezioni importanti:

1. ** Non accontentarti di meno. ** Tieni gli occhi fissi sulla tua destinazione. A prescindere da quanto possa sembrare buono mettere in pausa la lotta e riposare, non essere soddisfatto andando a metà strada. Siamo stati chiamati ad andare fino in fondo. Anche se a metà strada può essere un posto buono e confortevole, ricorda che non c'è un  posto come  casa.

2. ** Guarda in alto e fidati. ** Dio è la tua guida. Lui conosce la strada!  L’ha percorsa Lui stesso e  ha provveduto per noi . Potresti essere tentato di pensare che il cielo non è per te, ma abbi fede in Colui che ti ha promesso un arrivo sicuro. Non è necessario prendere il volante da soli. Dio ci guida pazientemente, passo dopo passo, chiamandoci a seguire la luce che ha sparso proprio davanti a noi. Ad ogni nuova stazione  che arriviamo, Lui è lì in attesa per darci indicazioni su dove andare dopo. E sì, a volte può dire "aspetta". Ma fino ad allora, stai vicino a Lui. Non vuoi certo prendere il treno sbagliato.

3. ** Siamo  tutti insieme in questa impresa  . ** Dio non intende farci percorrere questo sentiero da soli . Siamo qui per sostenerci a vicenda. Per avvertirci reciprocamente di non ritardare, ma di prendere il nostro autobus verso casa. Parliamo con le persone intorno a noi e vediamo se possiamo illuminare la loro strada. Non intendiamo guardare i nostri schermi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per quanto allettanti o a volte necessari. I nostri amici, estranei e persino i nostri capi  hanno bisogno del nostro sostegno. Non sono perfetti e hanno bisogno delle nostre preghiere e della nostra assistenza. Solo così possiamo tornare a casa insieme in sicurezza.

4. ** Conta  le tue benedizioni. ** Le cose nella vita non vanno come avevi programmato, ma questa non è una scusa per non apprezzare le benedizioni presenti di Dio. Potrebbe essere freddo fuori, ma sii  grato per la tua tazza di tè Rooibos. Ci sono gioie nel viaggiare attraverso la vita insieme, gioie nel dare e aiutarsi a vicenda. La strada può essere dura, ma ci sono bei momenti lungo la strada. Non trascuriamo queste benedizioni, ma apprezziamole e siamo  grati.

All'una  del mattino sono arrivata a casa; esausta, ma così felice! La gioia di tornare a casa dopo un lungo viaggio è solo un assaggio di ciò che sentiremo una volta raggiunta la nostra casa celeste.

> Afferriamo la mano che Lui ci offre. Lui sa dove condurci . Egli vede la fine fin  dall'inizio e le Sue vie sono più alte delle nostre (Isaia 46:10, 55: 9).

Fidiamoci di Lui, rimaniamo vicini a Lui, teniamo gli occhi fissi su di Lui solo, e insieme andiamo verso la meravigliosa destinazione che Lui ci ha promesso.